mar. Dic 11th, 2018

Il successo di Cibus 2018 tra innovazione e piatti del futuro

Oltre 1.300 nuovi prodotti e un bilancio estremamente positivo quello di Cibus 2018, il Salone internazionale dell’Alimentazione organizzato alle Fiere di Parma e giunto alla sua 19ma edizione. Un successo dettato soprattutto dalla presenza di oltre 82mila buyers internazionali, circa 2mila in più rispetto alle aspettative e oltre 3100 aziende partecipanti provenienti da tutte le Regioni italiane, che hanno animato i sempre più numerosi stand e gli ampi padiglioni della fiera.

IL CIBO DEL FUTURO Innovazione e novel food sono stati il filo conduttore e il tema principale di questa edizione. A Cibus si è parlato di innovazione a 360 gradi e in tutti i suoi aspetti, a partire dalla struttura stessa, più ampia per far spazio a nuovi espositori e nuovi padiglioni, e dal cibo, quello nato dalle idee futuristiche, il novel food che tra qualche anno sarà servito o addirittura è già approdato sulle nostre tavole. Tantissimi i prodotti di assoluta novità, dalla bresaola di scottona senza conservanti all’aceto di mele non pastorizzato e non filtrato da bere come accelerante del metabolismo al mattino, fino ai prodotti healthy e bio pensati ad hoc per un pubblico sempre più esigente e attento ad un’alimentazione sana e biologica come i dadi vegan, la bevanda vegetale con riso nero venere, i burger di sola verdura senza conservanti e senza soia, e la bevanda vegetale di farro biologico da bere a colazione.

 

 

CIBUS INNOVATION CORNER Il nuovo padiglione, il luogo che è stato per quattro giorni la casa dei dibattiti sui trend del mondo alimentare. Non solo cibo e nuove proposte, ma anche momenti di confronto sulle dinamiche che oggi e domani muoveranno il mondo del food&beverage. La creazione di questa innovativa area convegni è stata l’occasione perfetta per rendere la fiera non soltanto una finestra sull’arte del settore agroalimentare, ma anche e soprattutto un luogo dove confrontarsi e capire quale ruolo interpretare noi, come attori, nel processo del cambiamento. In particolare, il dibattito sul novel food è stato affrontato con la presenza di figure di spicco del mondo scientifico di Confcosumatori, che hanno illustrato le frontiere della ricerca sui nuovi cibi, come quelli a base di insetti o la carne coltivata. Al Cibus Innovation Corner sono anche stati presentati  circa 100 nuovi prodotti tra i più innovativi del settore, nati per soddisfare la domanda del consumatore reinterpretando i prodotti tipici della cucina italiana come la sfera di Aceto Balsamico da grattuggiare, le uova di quaglia con tartufo bianco, o l’aceto di vino rosé.

Cibus 2018 è stato anche attenzione alle tematiche sociali: alla chiusura della sua 19° edizione i volontari di Banco Alimentare hanno infatti recuperato tra gli stand alcune tonnellate di cibo distribuite poi, nei giorni successivi, a diverse strutture caritative del territorio.

L’appuntamento per la 20ma edizione della fiera si rinnova dall’11 al 14 maggio 2020, mentre nell’Aprile dell’anno prossimo Parma ospiterà Cibus Connect.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *